Il Carnevale a San Germano

Il ricordo del carnevale sangermanese risale alla metà del 800' , questo ricordo ci è tramandato dal poeta Giuseppe Deabate , che avendo vissuto la sua giovinezza in paese , ne canta il nostalgico ricordo in "Il Carnevale del Villaggio" pubblicato sulla Gazzetta Della Domenica del Popolo del 1886. Le allora maschere paesane erano chiamate MARTIN che rappresentava un paesano che arrivava dalla fiera , e la MADONA , la sua compagna. (Antonio Corona - Piccole Storie Sangermanesi - 1996 )

Articoli della Gazzetta del Popolo datati ; Marzo 1851 e Febbraio 1861 che testimoniano la tradizionale distribuzione dei fagioli durante il carnevale sangermanese verso la metà del secolo XIX.

In tempi più recenti le maschere cambiano di nome , si chiamano GIARMAN e GIARMANINA e rappresentano una coppia di emigrati Sangermanesi a Torino , che ritornano in treno a ritrovare i  genitori , rimasti in paese ( Questa era una situazione che realmente riproduceva un flusso migratorio verificatosi , a cavallo dei due secoli).

ANNO GIARMANINA GIARMAN
1979 Rosso Paola Centri Bruno
1980 Pavese Anna Favalli Angelo
1981 Maratelli Vittorina Lamperti Maurizio
1982 Calza Gabriella Tosetti Massimo
1983 Jurzola Viviana Ferraris Gian Carlo
1984 Biletta Vanna Rosetta Giovanni
1985 Perazzo Paola Rosetta Giovanni
1986 Conti Monica Tua Enrico
1987 Volpe Cecilia Vergano Gian Carlo
1988 Novelli Gabriella Vergano Gian Carlo
1989 Ferraris Cristina Carboneri Daniele
1990 Bisaggio Simona Vercellone Fabio
1991 Conti Marilina Rosetta Giovanni
1992 Bonifacio Maria Grazia Gagnone Massimo
1993 Passarella Simona Zatti Marcello
1994 Gatto Alessia Gagnone Massimo
1995 Bissolino Antonella Bosco Maurizio
1996 Merlo Maena Centri Gianni
1997 Picco Manuela Bosco Maurizio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altro simbolo importante del carnevale Sangermanese è il BABACIU, (fantoccio) ,esso rappresenta la fine della stagione invernale , e la sua abbruciatura come ultimo atto del carnevale , da simbolicamente inizio a un nuovo anno agricolo .

 

 

I PUNTI PRINCIPALI DELLA RAPPRESENTAZIONE DEL CARNEVALE A SAN GERMANO SONO :

L'arrivo delle maschere alla stazione Viene rappresentata al sabato pomeriggio , con un breve corteo delle damigelle e cortigiani che accompagnano il carro del BABACIU alla stazione a ricevere le maschere in arrivo da Torino.

Dopo il ricevimento , le maschere vengono accompagnate in Comune , ove ritirano dal Sindaco , in modo simbolico le chiavi del paese.

La sfilata delle maschere e dei carri allegorici Il giro dei carri e delle maschere per le vie del paese , si svolge alla Domenica pomeriggio e al Martedi pomeriggio , da pochi anni è stata inserita una sfilata notturna al Lunedi sera.
La fagiolata E' uno dei momenti storici del carnevale sangermanese , ed è rappresentato dalla distribuzione alla popolazione del paese dei Salami e fagioli , che vengono fatti cuocere in enormi calderoni fin dal primissimo mattino del Lunedi , e distibuiti verso mezzogiorno.
L'abbruciamento del BABACIU Altro momento storico e conclusivo del carnevale a san Germano , il fantoccio di paglia spogliato dei suoi vestiti caratteristici , viene bruciato , mentre attorno al rogo , in girotondo le maschere ballano allegramente .
E' da ricordare inoltre la preziosa opera dei vari volontari che negli anni si sono succeduti nell'organizzazione del carnevale ed all'attuale associazione "Famija Sangermaneisa".