INAUGURAZIONE LAPIDE SUIGO-CARA

Le festa commemorativa a San Germano li 21 maggio 1899

 

 La simpatica festa per la inaugurazione delle lapidi a Pietro Cara e Jacopo Suigo, tenutasi oggi in San Germano, incomincio con un vermouth d'onore offerto dalla locale SocietÓ operaia a tutti gli intervenuti, nei locali della nuova sede, inaugurata oggi e che ha un forno cooperativo del sistema Anelli. Alla festa erano presenti il sen. Giovanni Faldella, l'on. Pozzo, l'on. Pinchia. l'avvocato Deabate, il prof. Colombo, il prof. Gabotto, ecc. Parl˛ pel primo il prof. Rollone, sangermanese, presidente del Comitato, che ringrazi˛ gli intervenuti, le SocietÓ operaie, le Unioni tipografiche di Torino e di Novara, ricordando come San Germano, che ha dovizia di uomini illustri, non poteva dimenticare le due figure del Cara e del Suigo. Consegna quindi al sindaco la lapide commemorativa che porta uu epigrafe dell'avv. Deabate. Il sindaco ringrazia, Quindi l'avv. Deabate, il gentile poeta e valente pubblicista, parla calorosamente dell'influenza esercitata dal Cara e dal Suigo sulla cultura piemontese nel secolo xv, si diffonde sullo spirito d'iniziativa dei sangermanesi citando l'esempio di A, Franzoj e conclude con un augurio di prosperitÓ pel simpatico villaggio. Segue il prof. Gabotto, che parla a nome della SocietÓ Storica Subalpina, la quale trovasi ovunque si onori la memoria di alcun antico e glorioso piemontese. Dagli intrighi politici dell'epoca emerge bella la figura del caro fautore della cultura e dell'educazione. Conchiude portando il saluto della SocietÓ Storica. Viene in seguito dato lettura del verbale di consegna e di alcuni telegrammi di adesione. Al banchetto siedono: il sindaco. Roncarolo, il presidente della SocietÓ operai, l'onorevole Pozzo, Congregazione di caritÓ, il cav. Moriondo, il senatore Faldella, l'on. Pinchia, il signor Gianolio, il cav. Vigliardi-Paravia, l'avv. Garbasse il prof. Gabotto, l'avv. Deabate, il prof. Orsi, il cav. Pugliese, l'avv. A. Berta, il not. Ranno, il prof. Colombo, il prof. Tallono, ecc. ecc. Le tavole sono imbandite nei locali dello stabilimento Bolge. Alle frutta si lessero le adesioni della SocietÓ storica Lombarda, dell'avvocato Ranno, del dottor Peroni, del senatore Roux e di altri. Parlano: il cav. GiuseppeVigliardi-Paravia, quale presidente della SocietÓ artisti-tipografi di Torino e quale tipografo della R. Deputazione di storia patria; il sig. Gianolio; il sig. Goliardi per la stampa vercellese: il senatore Faldella, che si dice costretto a parlare perchŔ  P. Cara era anche senatore. A chi gli rimproverava queste esumazioni, rispose sempre che ci˛ che distingue l'uomo dalle bestie Ŕ appunto la storia. Dice a lungo del Cara come umanista. Ricorda Galileo Ferraris, e conchiude con un brindisi alla patria. Seguono l'on. Pinchia, che parla con entusiasmo del Piemonte, l'avv. Garbasso, il prof. Colombo, l'on. Pozzo e l'avv. Deabate, applauditissimi. Quindi la festa termina nella massima cordialitÓ

 
La Festa raccontata da un giornale dell'epoca