I mulini di San Germano

- Le prime notizie riguardo i mulini di San Germano risalgono al XIII secolo , e riguardano ; liti per diritti d'acqua e ruote di molini poste  sulla Roggia Molinara ( detta Vecchia di San Germano ),  nel 1369 vi Ŕ notizia di Filippo Cagnolo abate di S.Andrea in Vercelli che fece l'affittamento d'un mulino in San Germano per pagare le spese del passaggio dei cardinali al tempo della mutazione d' Urbano VI . Solo nel XV secolo si hanno notizie pi¨ certe , e riguardano una concessione ducale a favore degli abitanti di San Germano  , per la costruzione di un molino sul Naviglio d' Ivrea , in ringraziamento ad aver dato compimento al passaggio di detto canale sul loro territorio. Nel 1598 si hanno notizie certe , che i mulini a San Germano erano addirittura tre , il pi¨ noto dei quali era detto "della terra di Vianova".

Nelle mappe di fine 700 vediamo le prime indicazioni topografiche dei mulini di San Germano , erano chiamati ; Molino del Naviglio derivante dall'antica concessione del 1598 sul Naviglio d'Ivrea , Molino della Terra di proprietÓ del Marchese del Borgo , derivante da vecchi diritti feudali , e posto a Nord dell'abitato , ultimo era il Molino della Ressia , posto sempre sulla roggia Molinara al confine del territorio comunale con quello di Olcenengo ( dal nome si pu˛ intuire che era adibito al taglio del legname ).

A metÓ dell'800 i molino passano di proprietÓ alla SocietÓ Generale d'irrigazione delle terre all'ovest della Sesia , di cui ne beneficia degli introiti ; 1854 di Lire 65.010,94 - Nel 1855 di Lire 56,944,28 - e nel 1856 di Lire 56.944,28.

Nel 1869 i mulini vengono dati in affitto dalla fallita Compagnia del Canale Cavour .

 

 

Altri appunti storici sui mulini di San Germano
14 -5-1467 - Amedeo IX duca di Savoia si riconosce debitore verso Maria di Savoia vedova di Filippo maria Visconti duca di Milano per un prestito fattogli e le assegna i redditi dei mulini di Torino e del capitaneato di SanthiÓ e S.Germano

1480 - Nelle concessioni Ducali al Borgo di San Germano , si descrive sul Naviglio d'Ivrea , un mulino di sei ruote con annesse due case.

25 -4-1545 - Antonio de Isenzo di San Germano nel suo ultimo testamento, rogato Domenico de Giarda, aveva legato ai maestri Gaspare ed Ercole Oldoni, fratelli cittadini e pittori di Vercelli, 100 fiorini milanesi da dar loro per un mulino e un terreno dominicale di San Germano.

Nel 1923 il Mulino sul Naviglio d'Ivrea Ŕ citato come in possesso del Comune di San Germano e affidato in affitto.

 

 

Ai primi dell'800 , le documentazioni che attestano sia l'ubicazione esatta , sia la mappatura e relativi schizzi , che testimonianola denominazione dei due mulini a San Germano . Uno detto Molino Piccolo e posto sulla roggia Molinara (verso la Stazione Ferroviaria) e l'altro detto Molino Grosso , posto all'uscita del paese verso SanthiÓ ( attuale mobilificio Samta). Verso la fine dell'800 i due molini vengono sostituiti dalla ditta BolgŔ da mulini pi¨ moderni.

MOLINO GROSSO DI SAN GERMANO MOLINO PICCOLO DI SAN GERMANO

Pianta della Pista da riso del Molino di San Germano denominato Molino Grosso aggregato  all’affittamento del Regio Naviglio d’Ivrea. (Luglio 1826)

Pianta del fabbricato della Pista di riso denominato Molino Piccolo sulla Roggia Molinara aggregato all’affittamento del Regio Naviglio d’Ivrea. (Luglio 1826)

Prospetto occidentale del Molino Grosso di San Germano preso sull’asse del Naviglio. (Luglio 1826)

Prospetto meridionale del Molino Piccolo di San Germano (Luglio 1826)

Prospetto orientale del Molino Grosso di San Germano (Luglio 1826)

Prospetto occidentale del fabbricato della Pista e Molino Piccolo di San Germano  (Luglio 1826)