La riorganizzazione amministrativa del 1818

Dopo l'occupazione napoleonica e la conseguente Restaurazione del vecchio regime, il Regno di Sardegna ebbe nella "Divisione" la sua massima compartimentazione amministrativa..

La provvisoria sistemazione territoriale del Regno fu realizzata con l'editto di Vittorio Emanuele I del 7 ottobre 1814, poi rivisto con l'editto del 27 ottobre 1815 susseguente all'incorporazione della Liguria, mentre la riorganizzazione amministrativa definitiva fu sancita il 10 novembre 1818, quando venne stabilmente adottato un modello di compartimentazione basato su quello dell'Impero napoleonico e organizzato, sempre, su quattro livelli amministrativi: la Divisione corrispondente al Dipartimento francese e amministrata da un Governatore, la Provincia corrispondente all'Arrondissement, il Mandamento corrispondente al Cantone, ed il Comune.

Osservazioni

Oltre alla suddivisione della Provincia di Vercelli in raggruppamenti che poi successivamente prenderanno il nome di "Mandamenti" la riorganizzazione ridefinisce anche quelle piccole localitÓ chiamate "Tenimenti " che con la nuova definizione di "Frazioni" saranno accorpate alle varie realtÓ comunali . Per San Germano ; Capriasco e Viancino giÓ facenti parti dell'antico feudo vengono definitivamente assegnate a San Germano. Oltre mezzo secolo dopo sia Viancino che Cascine StrÓ ( inserito nel mandamento come Comune ) lasceranno San Germano per accorparsi rispettivamente come frazioni di Crova e Vercelli.